testata

Blog

METONIMIA

Dal greco = chiamare conforme a

ombrellopesca

Consiste nell’esprimere un concetto non mediante la parola esatta, nella sua completa estensione, ma attraverso dei particolari che abbiano con esso dei rapporti di dipendenza non quantitativi (altrimenti si avrebbe una sineddoche).

Si sostituisce, ad esempio, la causa all’effetto, il contenente al contenuto, il simbolo al posto del fenomeno che rappresenta, o viceversa.

Esempi: “vivere del proprio lavoro” cioè “del guadagno”

“il discorso della corona” cioè “del re”

“chiamare alle armi” cioè “nell’esercito”

 

fantino.jpg

Ricordo che "causa Palio" il Corso di Cucina (parte finale) previsto per questo Autunno subirà un piccolo slittamento tecnico (eh eh eh)

PER GLI ONDAIOLI

IMPEGNO: entro Domenica 8 Luglio 2012 dovrebbe essere a posto tutta la sezione (vedibile) delle foto del SUPERPALIONE

ondalioli

 

…cosa faremo….? E' un fatto che a Siena non sbavano per la Fotografia. Può darsi che sia per l'eccessivo bombardamento delle foto di palio, che "sembrano" sempre più tirate via. O perché in una città con tante opere importanti la Fotografia viene poco presa in considerazione. Almeno come arte. Anche se grandi critici, Berenson in testa, la mettevano a pieno titolo e dignità fra le espressioni dell'Arte. E non minori. La colpa, forse, come nella coppia, è sempre un pò di "tuttedue"….

Tipica self-architettura da periferia molto prossima.(da un reportage nella provincia più profonda per il 150° ANNIVERSARIO DELL'UNITA' D'ITALIA promosso dalla FIAF nazionale.

150ok-3mini

 

ANCHE IL DIGITALE E' FOTOGRAFIA? Si è concluso Giovedì 7 c.m. il Corso, diciamo così di 2° Livello, organizzato fraternamente dalla "mia" Bottega dell'Immagine e dall'ormai, grazie all'Efficientissimo Presidente Gabriele Fanetti, mitico e onnipresente LeicaClub Siena.

Nei locali del suddetto. Il Corso, dal titolo chiaramente "lusiniano" (mi si permetta almeno questo) ANCHE IL DIGITALE E' FOTOGRAFIA?

Incredibile. Rimetto mano a quello che era il mio tanto desiderato Blog e che ho trascurato per un lungo periodo solo per motivi di mancanza di tempo. Orribile! Mi sembra quasi di essere uno di quei deficienti che hanno sempre da fare e non riescono a capire che il mondo andrebbe benissimo avanti anche senza di loro.

pensatore1.jpg

LA LOGICA E' SOLO L'ANTICAMERA DELLA SAGGEZZA
Mr. Spock in ROTTA VERSO L'IGNOTO

Con uno stile, lo ammetto, un pò…ecclesiastico (giorni e giorni di decantazione), ho trovato il "verso" di esprimere il mio disprezzo per le ultime elezioni regionali, proponendo agli eventuali ospiti pensanti la mia valutazione. E' giusto premettere che io sono andato a votare. Anche se farlo, con una legge elettorale vergognosa e mortificante, per quelli come me che si illudono che il proprio voto sia decisivo/risolutivo, ogni volta diventa più doloroso. Ma resistere, resistere, resistere. Anche se, continuando questa rumba, finirà che dimenticherò a cosa e soprattutto perché. Bene. Penso che gli otto milioni di italiani in meno che, ci dicono, in pochi anni hanno smesso di andare a votare, siano non persone incivili, asociali o perennemente incerte, ma gente di buona cultura e di una certa sensibilità politica. Ma il sistema di delegare figure indicate dalle segreterie (quando va bene: Vendola, Bonino…) blindate e occupate, poi, per mantenere il posto, per la maggior parte del tempo a litigare fra bande interne (Campania, Mantova comune..) va sempre meno "giù" a persone razionali e ragionevoli. L'epoca delle "chiese" sta declinando. Talvolta anche indecorosamente.
O si pensa o si crede, diceva un "certo" Schopenhauer. E anche se proprio la fede sembra sostenere gli elettori di destra o di sinistra, dal "meno male che silvio c'è" al "bisogna fare qualcosa per il mondo del lavoro", certo è che, a meno di una bella serie di miracoli, la gente comincerà a pensare di più e credere di meno. Direi che lo sta già facendo. Tra poco sarà la maggioranza. La fame leva il lupo dal bosco, diceva la mi' mamma. Anche se appare chiaro che non basterà pensare. Sennò, saremo alle solite. E ormai alle rivoluzioni non ci crede più nessuno. E poi chi le dovrebbe guidare? Giordano o Sansonetti? Da porta a Porta, Matrix o AnnoZero? Poche cose, invece. Giuste. Anche dei piccoli passi. Ma concreti. Tangibili. La prima? "Convincere" i nostri eterni delegati, in attesa dei nuovi, (perdono le elezioni?: gli italiano non hanno capito…Ecco di chi è la colpa, facile, no?) a smettere di dirci cosa dobbiamo fare. E cominciare a obbligarli a fare quello per cui li abbiamo delegati. Da qualsiasi parte. Sennò…A CASA. Il lavoro è una cosa sporca, ma qualcuno, si sa, lo deve fare. Io intanto comincio a sognare un D'Alema messo comunale e un Brunetta operatore ecologico. Almeno così, un sorriso me lo strappano. E a voi?

PS: ricordiamoci che, comunque, lo scontro è e sarà sempre fra la buona, ma solo a parole abusata, SOLIDARIETA' e lo sterile, dilagante menefreghismo. Ma la Chiesa, quella di Roma, "fischietta"…

 

 srgb

Tutto quello che serve dopo lo scatto

Tutti i Circoli di Siena che si occupano di Fotografia, i professionisti interessati e chiunque faccia foto digitali e sia nella crisi più profonda a causa del "circuito": visore della macchina-monitor-programma di fotoritocco-stampa, dove i colori sembrano a volte "fare quel che gli pare" sono invitati Venerdì 23 Aprile alle 21,30 nei Locali messi a disposizione, anche per comodità di accesso, dagli Amici del Circolo STILE di Monteroni. Il "Mago" Alessandro Magozzi della Dataport/Apple di Bientina cercherà di avvicinarci alla soluzione dei problemi con la sua esperienza galattica nel settore. Saranno anche fatti degli esempi pratici con stampa ecc. Da non perdere per chi pensa che i prati, da un pò di tempo, non sono più quelli di una volta....:-)

pietro_masturzo blog.jpg

Per diventare un vero tavolo di confronto delle idee, questo spazio deve affrontare degli argomenti con un minimo di potenziale stimolante. Cominciamo allora dalla foto in testata, che ha già provocato un certo dibattito (questa è la più pubblicata ma faparte di un servizio di una decina di immagini) Il titolo: SUI TETTI DI TEHERAN. L’Autore, Pietro Masturzo, si è classificato al secondo posto al Premio Portfolio Fotoleggendo 2009 della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) e ha vinto il prestigioso World press Photo of the Year 2009 come miglior reportage dell’anno. Considerato che la FIAF ha la “missione” di “…divulgare e sostenere la fotografia amatoriale…” (da sito FIAF) sarà interessante sapere cosa pensano di questa originale accoppiata di premi quelli di voi che si occupano di foto amatoriale. E anche gli altri, beninteso. Anche io, in caso di dibattito, parteciperò volentieri. Intanto pongo “anche” questa domanda: Che voto avrebbe preso/avreste dato a questa foto se fosse stata presentata ad un concorsino sociale? (se pensate che è una domanda ingenua allora non mi conoscete…..)

© 2015 IMMAGIN'AZIONI di Gigi Lusini

Web by conceptio: Software house - Support by exedere: Posizionamento motori di ricerca